giovedì 11 giugno 2015

Primo figlio nato da una donna che avveva rimosso il tessuto ovarico e congelato durante l'infanzia

Primo figlio nato da una donna che avveva rimosso il tessuto ovarico e congelato durante l'infanzia

Una donna ha dato alla luce un bambino sano dopo che i medici hanno trapiantato il tessuto ovarico rimosso da lei quando aveva appena 13 anni .While fertilità è già stato restaurato nelle donne mediante l'impianto di tessuto ovarico che è stato rimosso quando erano adulti, questa è la prima volta che il tessuto ovarico tratto da una giovane ragazza ha portato ad una gravidanza.
La donna, che desidera rimanere anonimo, è stato diagnosticato con anemia falciforme, quando aveva cinque anni. Dopo essersi trasferito in Belgio, la sua malattia era diventata così grave che i medici ha deciso che doveva sottoporsi a un trapianto di midollo osseo.Per interrompere il suo sistema immunitario di rigetto del trapianto, il paziente doveva ricevere la chemioterapia.
I medici sapevano che la chemioterapia, che può distruggere il funzionamento delle ovaie, potrebbe impedire la ragazza di essere in grado di concepire. Così, hanno tolto la sua ovaia destra e congelato i frammenti di tessuto quando aveva appena 13 anni - prima aveva anche iniziato il suo periodo. I medici di notare che stava mostrando segni di pubertà di partenza, ma la sua ovaia rimanente fallì quando aveva 15 anni.
Dieci anni dopo, la donna ha voluto avere un bambino. Per soddisfare il suo desiderio, i medici tornarono al tessuto congelato, scongelato parte di esso, e innestate quattro frammenti sulla sua ovaia rimanente e 11 sul resto del suo corpo. Due anni dopo il trapianto, la donna era in grado di dare naturalmente alla luce un bambino sano.
"Questo è un importante passo avanti nel campo perché i bambini sono i pazienti che hanno maggiori probabilità di beneficiare della procedura, in futuro," ha detto il dottor Isabelle Demeestere, che ha guidato il trattamento, in una dichiarazione .
Demeestere auspica che la procedura può aiutare altri giovani ad alto rischio di insufficienza ovarica a causa di malattie infantili come la leucemia. Ha detto a BBC Newsche "il successo di questa procedura richiede ulteriori indagini in molto giovani ragazze pre-puberale, come la nostra paziente aveva già iniziato la pubertà, anche se lei non aveva iniziato le mestruazioni."
Ovaie della donna ha continuato a funzionare normalmente e medici suggeriscono che potrebbe essere in grado di concepire di nuovo. Potrebbero anche effettuare uleteriori trapianti se il suo tessuto esistente non è riuscito a funzionare.
Adam Balen, professore di medicina riproduttiva e chirurgia presso il Centro di Leeds for Reproductive Medicine, ha detto a Sky News : "Ci era stato precedentemente incertezza sul fatto che il tessuto ovarico prelevato da giovani ragazze sarebbe in seguito competente a produrre maturi, uova fertili, così [ questo] caso è rassicurante ed emozionante.
"Ci sono solo pochi centri in cui la tecnologia è disponibile e questo tipo di trattamento realizzabile. Negli anni a venire sarà senza dubbio diventato più di routine."














Nessun commento:

Posta un commento

""."ca-pub-9603897488238814",