Post in evidenza

Riforma legittima difesa - ora non è più reato difendersi


Riforma della legittima difesa, ora se un ladro si introduce nella propria casa o attività lavorativa e ci si difende con un’arma (regolarmente registrata) non è più reato.


Secondo alcuni risulta sproporzionato il fatto di difendersi con le armi, definendo la cosa come un “ritorno al Far West”, in quanto non vi sarebbe proporzione tra l’aggressione e la legittima autodifesa. Secondo quanto riporta l’art. 52 del cod. pen. infatti :

Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa.
Nei casi previsti dall’articolo 614, primo e secondo comma, sussiste il rapporto di proporzione di cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:

a) la propria o la altrui incolumità:

b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione.
La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale.

Il provvedimento è stato approvato, con esultanza dei leghisti, con 244 voti favorevoli e 175 contrari.
Secondo invece Giuliano Pisapia, capogruppo di rifondazione comunista in commissione di giustizia, la norma sarebbe anticostituzionale in quanto il bene vita sarebbe posto sullo stesso valore del bene patrimoniale.

Fonte Panorama.it

Commenti