mercoledì 21 gennaio 2015

'O cuorno tradizione napoletana portafortuna

                           

                         O' CUORNO TRADIZIONE NAPOLETANA FOTO STORIA E POESIA



'O cuorno rimarrà sempre il simbolo della scaramanzia napoletana. Spesso i napoletani al balcone lo sostituiscono con una cascata di peperoncini rossi che con il loro semi piccanti dovrebbero avere la funzione di allontanare sciagure e malelingue.

Priaspo
Secondo la scaramanzia napoletana il corno deve essere un dono quindi per portare fortuna non deve essere comprato,inoltre deve essere: rigido, cavo all'interno, a forma sinusoidale e a punta.

Storia della tradizione: il corno non è altro che la stilizzazione del fallo del dio Priaspo, custode dei campi e protettore contro il malocchio nonchè dio della prosperità.
Nell'arte romana e poi in quella napoletana il fallo veniva spesso raffigurato in affreschi e mosaici, generalmente posti anche all'ingresso di ville ed abitazioni patrizie.
Il pene eretto era infatti considerato un amuleto contro invidia e malocchio. Inoltre, il culto del membro virile eretto, nella Roma antica era molto diffuso tra le matrone di estrazione patrizia a propizre la loro fecondità e capacità di generare la continuità della gens (Nell'antica Roma la gens era un gruppo di famiglia che riconoscevano in  un antenato comune e praticavano culti comuni).


                   O’ Cuorno

Quant’anne so’ passat a quanno’ i so nato.
            Tuosto vagante e stuorto,
                 pè levà o malocchio.
                    So nat bruttulillo,
               enbè nun me’ne ‘nborte’
   pecchè so purtatore sulamente e ciorte
       aiuto ò re, o’ ricco e o puveriello
     purtannele nà ciorta furtunata e bella!
   L’Arma mi è ò pizz e senza avè appaura.
    Affronto ò male, e streghe, a iettatura.
  Vulite a bona ciorta e vulite essere sicure?
      Rialateme cò core e senza avè paura.
   Aiuto a parturente, malate e ‘nammurate,
       rialannele chelle c’anna desiderate!
  Enbè nun ce crerite, vuie site scaramantici,
                        ce girate attuorno?
 Quante ve decidite rialate sempe o cuorno!
  
                                                  Iaccarino Francesco

Nessun commento:

Posta un commento

""."ca-pub-9603897488238814",