Post in evidenza

Infermiere della morte in Germania



Un infermiere  a Berlino ha ammesso di aver ucciso 30 dei suoi pazienti mentre lavorava 
all'ospedale di Delmenhorst, nel nord della Germania, tra il 2003 e il 2005.


  Lui stesso ha raccontato allo psichiatra Konstantin Karyofilis, iniettava ai pazienti un farmaco cardiovascolare in modo da indurre un'emergenza medica che avrebbe richiesto il suo intervento per rianimarli. Sono in  morti in 30 mentre altri 60 sono sopravvissuti ha affermato l'infermiere, identificato solo come Niels H., prendendosi tutte le responsabilità per queste morti  ma non per altre. 

Allo psichiatra l'uomo ha espresso la sua profonda "vergogna", riconoscendo di aver inflitto grandi sofferenze ai parenti delle vittime. Secondo l'accusa, l'uomo voleva cosi' guadagnarsi l'ammirazione dei colleghi e il gratitudine dei familiari dei pazienti. L'ammissione, riferisce il Guardian, ha colto di sorpresa la stessa procura, dal momento che finora Niels H.  aveva respinto ogni accusa e le prove dimostravano la sua responsabilita' solo per 12 morti. L'uomo, che nel tempo libero prestava anche servizio come paramedico, sta gia' scontando una pena a 7 anni e mezzo di carcere per tentato omicidio dopo essere stato scoperto a somministrare un overdose a un paziente 2008

Commenti