Post in evidenza

Istituto Filippo Smaldone Napoli

Istituto Filippo Smaldone Napoli
Nello sfondo di questa fotografia il possente edificio rosa è l'istituto cattolico Filippo Smaldone di Napoli ubicato nel rione Sanità, è stato fondato nella metà del secolo scorso dalle Suore Salesiane dei Sacri Cuori che continuano nel loro impegno nell'educazione dei bambini sordi secondo le indicazioni pedagogiche-didattiche del fondatore Filippo Smaldone. La scuola ospitava esclusivamente bambini e ragazzi sordi fino ad aprirsi, negli anni 2000, all'integrazione dei bambini sordi e udenti per sostenere processi di miglioramento personale ed evitare condizioni di esclusione ed emarginazione sociale. L'opera ''smaldoniana'' ha sin da subito tessuto uno strettorapporto con il territorionel rione Sanità di Napoli, la sciola è un importante punto di riferimento che si impegna
quotidianamentenel sano sviluppo del senso dell'appartenenza e della propriaidentità sociale e civile.

Veniamo adesso al Padre Fondatore, Filippo Smaldone nacque a Napoli il 27 luglio 1848 e venne ordinato sacerdote nel 1871. Si dedicò alla cura di una categoria emerginata, quella dei sordomuti, attività caritatevole che proseguì per tutta la vita.

Trasferitosi a Lecce, l'idea di progettare un'istituzione che potesse essere dedicata alla cura e all'istruzione dei sordi si concretizzò nel 1885 co la vestizione delle prime tre suore, dando origine alla fondazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori.
Fu papa Giovanni Paolo II a volere la beatificazione di Smaldone, che avvenne nel 1996, mentre nel 2006 papa Benedetto XVI lo nominò Santo. La sua opera di sostegno ed educazionemorale dei sordomuti gli valse, tra l'altro. la decorazione CRoce pro Ecclesia et Pontefice la nomina a Canonico della cattedrale di Lecce.

Ammalato di diabete, mori il 4 giugno 1923nella città salernitana dove operò per gran parte della sua vita. Listituto Silippo smaldone continua la sua opera in Italia e nel resto del mondo con sette sedi in Brasile, tre in Ruanda, una in Paraguay e una in Moldavia.

Commenti